Proposta. Il servizio civile per la mia regione

Non c’è più la leva obbligatoria e, se ti va bene, a scuola fai l’ora di ginnastica, che giustamente non hanno il coraggio di chiamare sport, perché fa bene alle gambe, ma non insegna a cooperare, a fare squadra. Insieme alla disaffezione, alla mancanza di fiducia verso la politica, voglio pensare a quanto sia bello riscoprire il senso dell’altruismo, attraverso il servizio civile. Sei mesi … Continua a leggere Proposta. Il servizio civile per la mia regione

Vota:

Caro Ambrosoli, ti scrivo. Dall’io al noi

In Italia abita un terzo degli “sfiduciati” di tutta l’Europa, molti sono giovani, sono quei ragazzi che pensano di essere stati “derubati” del futuro. Tra di loro ci sono coloro che vogliono guardare la Regione Lombardia con occhi diversi e di speranza. Andare oltre quel celeste disastro che tanto ha assopito le nostre ambizioni Vorrei che la nuova spinta passi attraverso voglia di rinnovamento, partecipazione … Continua a leggere Caro Ambrosoli, ti scrivo. Dall’io al noi

Vota:

Proposte di cultura. Un libro è come un’agenzia di viaggio

Un libro è come un’agenzia di viaggio, ti prende e ti porta nel mondo. Come una libreria è un luogo di incontro. L’elemento cooperativo è il punto di svolta, è il punto attraverso il quale riusciamo a dotarci di una sorta di osservatorio astronomico per cogliere i segreti delle costellazioni del potere culturale dominante. L’elemento cooperativo è il seme buono che può dare frutti importanti … Continua a leggere Proposte di cultura. Un libro è come un’agenzia di viaggio

Vota:

Centro amore mio. E la periferia? Movimenti lenti di sostenibilità

La speranza urbana “Beati voi beati voi che ve ne andate come padroni per le periferie della città e parlate della vita e della morte con le prime parole che vi vengono alle labbra.” (da Uccellacci e uccellini, Pier Paolo Pasolini) Le città stanno cambiando non solo pelle, ma anche forma. Centri commerciali grandi come centri storici, anelli autostradali sempre più larghi e nuovi spazi … Continua a leggere Centro amore mio. E la periferia? Movimenti lenti di sostenibilità

Vota:

Cum-movere = muovere insieme

Siamo belli perché siamo pieni di difetti; non perché siamo onnipotenti, ma perché siamo fragili, perché ci tremano le gambe, perché siamo goffi, perché abbiamo paura, perché abbiamo bisogno d’amore, per questo siamo belli. Creatività e innovazione sono i soli fattori in grado di consentire a un sistema economico di reggere le sfide della competizione globale. Con l’innovazione si diffondono idee che migliorano l’efficienza dei … Continua a leggere Cum-movere = muovere insieme

Vota:

Il rumore delle … pale che girano. Liberare energia (delle idee)

Perché le idee sono il lievito del tempo nuovo, quello che stiamo gia vivendo Immaginate quanto sia affascinante per ogni territorio sapere del suo Pns: il “Prodotto Nazionale Sapere. Le imprese,ormai, hanno compreso che l’unico modo per farcela è dare all’Italia una vocazione “glocale”, che faccia leva sulla ricchezza del patrimonio storico, orografico, architettonico, artistico, naturale, trasformandoli in fattore di conoscenza, competenza e promozione della … Continua a leggere Il rumore delle … pale che girano. Liberare energia (delle idee)

Vota:

Quando tocca a noi?

Un’idea di uguaglianza basata sul merito individuale e non su una solidarietà astratta imposta dall’alto. L’uguaglianza delle opportunità, non dei risultati. Ditemi voi cosa c’è di “non sinistra” in questo? Dal discorso di Obama, in sintesi: “Non importa chi tu sia, non importa che tu sia bianco, nero, ispanico, uomo, donna, gay, cristiano, musulmano: se vuoi lavorare duro per raggiungere un risultato, lo puoi fare … Continua a leggere Quando tocca a noi?

Vota:

Partecipazione contro l’antipolitica e la disaffezione. “Ripartiamo dalla partecipazione per colmare la crisi di fiducia”.

Partecipazione contro l’antipolitica e la disaffezione. “Ripartiamo dalla partecipazione per colmare la crisi di fiducia” La patologia è “la mancanza di sedi di discussione della politica, di confronto serrato e sereno sulle scelte fatte e su quelle da fare” che “non può non impoverire i legami con quel processo diffuso e plurale che è stata la primavera”. Il rimedio è, ovviamente sempre quello, il bisogno … Continua a leggere Partecipazione contro l’antipolitica e la disaffezione. “Ripartiamo dalla partecipazione per colmare la crisi di fiducia”.

Vota: