Non sto con i Marò

Doveva arrivare “questo momento”.

Dei due fucilieri, ormai, si può parlare abbastanza facilmente, inserendosi nella narrativa italiana delle angherie indiane inflitte a due servitori dello stato e quindi, per estensione, al paese intero.

Immagine

Tutti con la smania di usare lo strumento di liberazione come elemento di crescita elettorale.

21593_10208319552053470_2504529942924412617_n

Se alla fine di queste righe vi siete immaginati a litigare con mezza tavolata del vostro pranzo o della vostra cena, potete fare una bella cosa: appena qualcuno minaccerà di introdurre il caso dei due fucilieri italiani come argomento di conversazione, esercitate il vostro diritto di opposizione e cambiate discorso.

Vi eviterete la pessima pantomima di volgarizzazione di un caso complesso e doloroso. Una vicenda dove ci sono due morti, Ajesh Binki e Valentine Jelastine, sistematicamente rimossi dal racconto in Italia, e due famiglie di due militari alla mercé di bieche strumentalizzazioni orchestrate da chi dice di volerli aiutare.

Ripeto: non prestatevi a questo giochino stucchevole. Lasciate perdere.

Annunci

Un pensiero su “Non sto con i Marò

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...