Finanziamo il terrore, “… nel rispetto della legge”

Il video non è una “bufala”, non è un falso “allarme bomba”.

Questo (qui il video, fonte Repubblica TV) è un vero ordigno di manifesta “violenza”, che ha due o più responsabili. Da una parte il pluripremiato ad di Finmeccanica Mauro Moretti, dall’altra la ministra Roberta Pinotti.
Candidamente, la Ministra (oggi) ci ha spiegato che è vero che vendiamo armi all’Arabia Saudita, ma “… lo facciamo nel rispetto della legge …” (sic!) e non si comprende dove sia il problema.

Fermi tutti (1).
Lo vedo solo io questo grande buco nero? E’ naturale trincerarsi dietro quella “legge” sporca di sangue e di ipocrisia? Per me no.

In quella vedo grandi carichi di tritolo di falsità. La stessa che, accompagnata da norme europee o internazionali, permette di far transitare arsenali a favore dell’Isis tramite privati.

Perchè si può agire “… nel rispetto della legge …” ma, nello stesso tempo, non si può ignorare che quelle bombe sporche di sangue “finanziano” l’Arabia Saudita, quel Paese che copre e foraggia i terroristi (oggi, per esempio, ha condannato a morte il poeta palestinese Ashraf Fayadh per aver “dubitato dell’esistenza di Dio”).

E potrei continuare “… nel rispetto della legge …”.

Penso che a tutto vi sia un limite. Un limite alla vostra doppiezza (im)morale.
Perchè quei soldi (l’ad Mauro Moretti disse che: “Il pacifismo è bello ma ha dei costi”) puzzano di sangue e di morte (2).
E se vi fosse la vera intenzione di combattere l’integralismo, lo si faccia combattendo quei Stati che foraggiano l’Isis e/o si comportano esattamente come loro.
Ma lo si faccia veramente, senza prenderci in giro. Senza chiacchiere o milioni di convegni.

Perchè ricordiamo quando qualcuno giorni fa disse: “L’Italia non fa affari con finanziatori del terrorismo” (cit. Matteo Renzi, 8/9 Novembre 2015 in visita in Arabia Saudita).

Detto questo, ricordate questo fetore quando farete il vostro ipocrita minuto di silenzio. L’ennesimo. Ma prima di farlo contabilizzate “… nel rispetto della legge …”, l’incasso della vendita di kalashnikov e bombe (quelle che sono, ad esempio, partite ieri da Elmas).

Annunci

2 pensieri su “Finanziamo il terrore, “… nel rispetto della legge”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...