Cara minoranza #PD, andate senza meta. Ma da un’altra parte

150330092503Io non credo più a quell’adagio continuo di chi dice:

“Io continuo nel Pd per cercare di correggere la rotta, perché quella di adesso è sbagliata sia per il Pd, sia per i lavoratori, sia per il Paese. Anzi, non solo è sbagliata: fa male sia al Pd sia al governo”

Pensare di cambiare il Pd dall’interno è come sperare che Paris Hilton vinca il Nobel per la Letteratura.

Ecco, cara minoranza Pd, anzi care,

  1. Escludendo la vostra famiglia, fuori dai palazzi l’interesse nei vostri confronti (debole da tempo) ultimamente è calato parecchio. Diciamo che al momento siete seguiti grosso modo come il campionato di morra cinese. Neanche quello di LegaPro.
  2. Dopo la riunione all’Acquario di Roma, in particolare, le vostre gesta vengono recepite, come scrive il mio amico Alessandro Gilioili, dalla stessa area del cervello che induce talvolta a cliccare sulle dichiarazioni di Sara Tommasi o sui siti sciichimisti. Credo che sia la zona dell’eccentrico-curioso-trash.

  3. Ogni volta che parla D’Alema, da Palazzo Chigi parte un ordine di Moët & Chandon; quando si aggiunge D’Attorre, arrivano anche le tartine.

  4. Le vostre reiterate “minacce” di scissione non vengono più quotate nemmeno dai bookmaker più spregiudicati di Londra, quelli che pure accettano scommesse sull’arrivo degli alieni entro la fine dell’anno (che poi finisce tutto a tarallucci e vino).

  5. Bersani che invita Renzi a “non decidere da solo” sembra il cardinale Bagnasco quando invita i giovani a non fare sesso prima del matrimonio: tuttavia ha molte meno probabilità di successo.

  6. In linea generale, chi tra voi ha fatto per anni la corte all’Udc di Casini (ma anche a Fini), poi ha votato tutte le riforme di Monti (compresa quella costituzionale) e infine ha fatto il governo con Berlusconi (magari entrandoci pure) quando rivendica di essere di sinistra risulta credibile come Pacciani che parla di rispetto per le donne.

  7. Nulla di personale verso nessuno di voi, ma ho la sensazione che se voleste davvero servire le idee che oggi manifestate, e a esse risultare utili, per la più parte di voi un dignitoso ritiro a vita privata sarebbe la scelta migliore – e probabilmente gioverebbe anche a voi, sul lungo, in termini reputazionali.

E c’è anche una sottovalutazione di tutto ciò che quanto sta accadendo comporta per la politica italiana (come scrivevo qui, cliccate). Un fatto che non riguarda qualche punto percentuale, ma proprio tutto l’elettorato. Chi non vota più e chi non sa a che santo votarsi. Sulle ceneri del fu-centrosinistra italiano (bruciato più che rottamato) si può e si deve costruire qualcosa di nuovo: che parta da una diversa idea di Paese e da un programma scritto, da condividere e rispettare. Quanto può valere dal punto di vista elettorale una sfida del genere? Moltissimo. Certo bisogna provarci: rompendo lo schema che è già stato superato dai fatti sopra richiamati e rischiando, senza rete e soprattutto senza padroni. Cancellando – come si vorrebbe fare con i referendum – le cose sbagliate e progettandone di diverse, descrivendole e motivandole come non si fa più, tutti presi come siamo dalla polemica. Balneare anche quando non è stagione.

Un abbraccio senza rabbia, anzi con umana solidarietà per la vostra attuale difficile condizione.

Questo post è anche su “Gli Stati Generali”, cliccate qui

Annunci

3 pensieri su “Cara minoranza #PD, andate senza meta. Ma da un’altra parte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...