Caro Sarri, le parole sono importanti

Il caso #sarrimancini: lo specchio della politica e del calcio italiano.

Vado controcorrente con quanto sta accadendo in queste ore sui social, sulla facile (direi grave) ironia rispetto quanto accaduto ieri sera.

Per quello che mi riguarda nel fatto trovo l’ennesima conferma di quanto siamo profondamente malati (culturalmente), di quanto sia ancora difficile prendere atto dei mutamenti della nostra società. Dal rispetto verso diverse razze (come non dimenticare le esternazioni del Presidente Tavecchio), dell’uso delle parole e del rispetto. Quello che non mi aspettavo e che la cosa sarebbe diventata una cartina di tornasole che ci avrebbe rivelati a noi stessi.

Il razzismo e il sessismo latente di questo paese ormai viene a galla prepotentemente.

Il tempo è qui e ora.

Siamo indietro, è questa la verità; siamo molto più razzisti di quanto vogliamo ammettere, molto più sessisti di quanto ci piaccia credere. Così tanto che basta pochissimo per tirare via quella patina di civiltà di cui ci siamo ammantati e rivelarci per quel che siamo: gente piccola piccola attaccata alla propria roba, chiusa in una difesa ossessiva del proprio orticello e del suo piccolo mondo antico. Solo che il mondo intorno cambia, e noi rischiamo di non avere neppure gli strumenti per capirlo. Ci sono tante ragione per cui siamo finiti così, ma adesso ci ritroviamo affondati in un pantano che è prima di tutto morale e culturale. Le cose non cambiano perché non cambiamo noi, i nostri vertici sono il riflesso fedele di quel che siamo, di quel che sentiamo e pensiamo.

Poi, certe volte penso che forse da tutto questo può venire fuori del bene. La ferita infetta va aperta ed esposta, perché possa guarire. Forse ci farà bene guardarci in faccia senza ipocrisie, scoprire quanto ancora siamo legati ad idee vecchie e, si sperava, sepolte. Bisogna riconoscere il problema, per risolverlo. Io un po’ ci spero, anche perché non si può fare altrimenti, se si vuole andare avanti.

In questo marcio, come al solito c’è lui: Mario Adinolfi. Che mostra costantemente la sua imbecillità (giusto per dare conferma).

 Immagine
Annunci

Un pensiero su “Caro Sarri, le parole sono importanti

  1. Non c’è da meravigliarsi : Il mondo del calcio è all’ultimo posto in fatto di comportamenti corretti e di cultura.(Tavecchio ….) Lo sbaglio è pretendere il contrario e continuare a dibattere su questo come fanno in Tv. Non si capisce che si deve prendere quello che puo’ dare : uno spettacolo ( il piu’ delle volte nemmeno quello) sportivo e niente di piu’.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...