Il Visconte dimezzato De Luca

Non c’è più il sorrisetto sornione, beffardo (4).

Le battute ci sono ancora: “Manna? Io ricordo la manna dal cielo”; “Ho dato ai giornalisti più lavoro di Murdoch, mi dovrebbero nominare Cavaliere del lavoro” e altro ancora.

Ma manca qualcosa (1).

La vicenda giudiziaria che lo coinvolge (al momento caratterizzata da una legittima presunzione d’innocenza) ha alcuni elementi chiave: ossia il logoramento della struttura regionale a livello di vertice. A soli 5 mesi dall’insediamento, Vincenzo De Luca, si è letteralmente usurato, arrivando al potere combattendo contro i veti incrociati del Pd Campania, nelle primarie di partito, scontro con Rosy Bindi e la commissione Antimafia, nella competizione elettorale contro Stefano Caldoro e contemporaneamente nelle aule di giustizia per i guai salernitani (dal Crescent in poi) e per la famigerata Legge Severino conseguente la condanna per abuso d’ufficio (fonte: Fanpage.it).

Sospensiva, sospensione della sospensiva, giudizio del tribunale civile, corte costituzionale. Pratiche che hanno corrotto (ops, questa è l’imputazione) un sistema di condotta che fino a poco tempo fa richiamava alla tranquillità. Oggi, De Luca è una grande incognita.

Le domande da fare potrebbero essere tante, ma mi limito ad alcune di esse (3).

Esiste una “libertà d’azione” in un contesto in cui si è intrappolati da una indagine per corruzione d’un giudice?

Esiste una tranquillità giusta in un contesto permanete di campagna elettorale (il prossimo anno andranno al voto città come Napoli e Salerno)?

Detto questo immagino che i consiglieri regionali appena arrivati non abbiano la benchè minima intenzione di ritornare a casa a nemmeno mezzo anno dall’insediamento (per buona pace dei notai napoletani – Marino insegna – ).

E infine: Matteo Renzi incontrerà mai nei mesi a venire un Vincenzo De Luca indagato per fatti così gravi, fino a che l’affare non sarà chiarito?

Nell’attesa di avere queste risposte troviamo un personaggio alla Calvino memoria (“Il Visconte dimezzato), sempre più intrappolato tra “sorrisetti” e “personaggetti”, con una magistratura (alla quale non si posso addebitare colpe) che detta i tempi della politica.

Continuano così, caro De Luca, i cavalieri del lavoro non saranno i giornalisti, ma i giudici che seguono i suoi continui voli pindarici (2).


(1) “Chi è Vincenzo De Luca” (il contributo del blog In fondo a Sinistra)

(2) “Il trasformismo della Severino” (il contributo del blog In fondo a Sinistra)

(3) “Il visconte dimezzato De Luca” (il contributo del blog In fondo a Sinistra per Gli Stati Generali)

(4) “Bufera giudiziaria in Campania: indagati De Luca, il suo segretario e un giudice della sentenza Severino” (La Repubblica, 11 Novembre 2015)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...