Il concetto di semplicità in Senato: complesso è Einstein, semplice è Gasparri

Ieri Maria Elena Boschi ha esultato dopo il voto che riforma il Senato. Ha detto:

”Finalmente abbiamo un’Italia più semplice”

Bene. Non mi interessa entrare ora nel merito della riforma, ma mi preme invece soffermarmi un secondo sul concetto di quel “più semplice”

Perchè “semplice” è diventata la parola magica, il concetto guida.
Più semplice questo, più semplice quello.
Come se la semplicità fosse di per se un valore fondativo e la complessità un male da affrontare.

Non saprei.

Complesso è Einstein. Semplice è Gasparri, come scrive il mio amico Gianmarco Bachi.
Dunque da che parte sta il valore?

E’ semplice sganciare una bomba. Più complesso avviare un processo di pace. Insomma, non è che la semplicità sia necessariamente un merito.

Non è che se fai riscrivere la Treccani a Calderoli, poi ti ritrovi un’enciclopedia migliore. Sicuramente ti occupa meno spazio sullo scaffale ed è più semplice poi spolverare la mattina.

Sia chiaro. Non è che ami la complessità a tutti i costi. Anzi

Non la tollero nella burocrazia o nei regolamenti condominiali.
Non la reggo nell’artificiosità dei linguaggi o nell’arzigogolo delle architetture vistose.

Dopodichè non penso nemmeno che la semplicità ad ogni costo sia un valore salvifico.
Ma sto semplificando, eh.

(fonte: Gianmarco Bachi)

Scrivo di questo anche su Gli Stati Generali, cliccate qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...