#CanoneRai(d)

canone1Arriva il raid RAI.

Il canone Rai è stato sempre un tributo, per usare un eufemismo, stravagante.

Nato come corrispettivo economico di un servizio essenziale, trasformato poi in una imposta dovuta a prescindere dalla fruizione del servizio e ora destinato, forse, a essere pagato insieme alla luce.

Ecco la sintesi perfetta di quello che il diritto tributario, se vero diritto fosse, non dovrebbe consentire.

Perchè?

Perchè l’ipotesi di inserire il canone nella bolletta dell’elettricità vuol dire mischiare pere e mele, confondere le persone nella comprensione di cosa stanno pagando e così impedire loro di obiettare di doverlo versare, laddove non dovuto.

Lo conferma lo stesso Chicco Testa, presidente di Assoelettrica.

L’imposta si mescolerebbe infatti a tante altre voci, già difficili da comprendere ma accomunate almeno dal fatto di essere dovute per la fornitura di elettricità. In mezzo a queste voci, essa diventerebbe una tassa occulta.

L’aberrazione principale, tuttavia, riguarda non i dettagli, ma la ragione di questo tentativo di ampliamento.

In più c’è l’aspetto privacy. Se un utente non paga il canone cosa succede? E’ immaginabile arrivare al distacco delle forniture per il mancato pagamento di importi che nulla hanno a che vedere con la fornitura elettrica, col rischio di incorrere nel reato di interruzione di pubblico servizio?

Aggiungo. Usare questa “strategia” come misura anti-evasione presenterebbe molte criticità legali ed applicative e nulla cambierebbe rispetto al passato, se non l’introduzione di ulteriori costi e rischi aggiuntivi per i venditori di elettricità, che inevitabilmente non potranno non riflettersi nelle bollette.

E allora mi chiedo.

Perché si vuol far pagare il canone in bolletta? Cosa unisce l’uno all’altra? Dire che metterla in bolletta eliminerebbe l’evasione del canone è improprio.

Perché includerla nella tariffa per l’elettricità renderebbe praticamente certo il suo pagamento non solo da parte degli eventuali evasori, ma anche di chi non la deve, mescolando, come si è detto, le mele con le pere, in contraddizione col principio di trasparenza che un inascoltato statuto del contribuente vorrebbe baluardo contro l’arbitrio sovrano.

Scrivo di questo anche su gli Stati Generali, cliccate qui

Annunci

3 pensieri su “#CanoneRai(d)

  1. Oltretutto non pagarlo, per una grossa fetta dei contribuenti, è praticamente impossibile. Se la bolletta è pagata con RID bancario, viene pagata in automatico. Occorrerebbe disdire il pagamento in bolletta, ed andare quindi ogni mese a fare la coda in posta, omettendo sempre quei 100 euro che verrebbero riportati da una bolletta alla successiva.
    Come dire, non puoi scegliere di non avere un televisore. A quando anche l’obbligo di tenerlo acceso, stile Grande Fratello orwelliano?

    Mi piace

    1. Una bella riflessione che riflette una amara situazione. Ci siamo ridotti a “subire” un qualcosa che porterà effetti devastanti (come detto nel post). E a pagare un qualcosa che non si dovrebbe.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...