E’ ancora #Possibile

12046984_10153530454952489_6580528931777467627_nDiciamo le cose come stanno.
Ho creduto (e credo) in quello che ho e abbiamo fatto per il Referendum‬ Possibile (come scrivevo qui, cliccate).
In tanti si sono lanciati nel dire che questa mancata riuscita del quorum è una sconfitta di Giuseppe ‪‎Civati‬ e dell’iniziativa referendaria.
Sì, d’accordo, non si è andati in Cassazione. Ma francamente da chi non solo non ha aderito alla campagna referendaria, ma -in alcuni casi- l’ha dichiaratamente avversata sperando che saltasse, è assolutamente inaccettabile tutta una serie di commenti di gaudio e sarcastici.

Primo perché una campagna politica ed una mobilitazione a livello nazionale sui temi, sulle cose fatte non è stata aria fritta. Piuttosto, ricordiamoci che ‪#‎Possibile‬ ha solo tre mesi di vita, ma ha mobilitato migliaia di volontari in mille città d’Italia, per due mesi. Senza quasi informazione e raccogliendo centinaia di migliaia di firme in tutta Italia. Con il mancato sostegno di alcuni esponenti nazionali di Sinistra Ecologia Libertà (come scrivevo qui, cliccate) e dell’inaspettato Maurizio Landini.

Alla fine i risultati. Non si voterà per abrogare l’Italicum, come scrive il mio amico Paolo della Ventura, le norme più odiose del ‪#‎Jobsact‬ né quelle sul preside manager della buona scuola. Sulle trivelle invece sì, visto che comunque le Regioni lo hanno alla fine promosso “autonomamente”.

Non è una sconfitta perché si è provato, dopo ormai dieci anni di non-voto, a far tornare a votare gli italiani su questi temi. Fallimento? No. Vorrei aspettare anche le cifre certe. Se non altro non siamo stati a parlare il solito politichese.

Ho visto persone interessarsi svegliarsi e schiudersi. E lo testimonia la speranza che ognuno ha lasciato sui quesiti.

Le partite si giocano fino in fondo.
Non è stata una scommessa a perdere, visto che le questioni, su tutti quei temi, restano appese. Per tutti.
Per il resto ho visto parlare le piazze, popolate con persone che credono in un’alternativa non solo possibile ma necessaria.
Desidero esserci. Sicuramente con maggiore forza e convinzione. Perché imparare dalle “sconfitte” è fantastico: perché ti fa assaporare la bellezza di una prossima vittoria. Che sarà vicina.

Note a margine. La cosa più triste della giornata sono gli ex compagni di viaggio di Civati, quelli che da ragazzi con lui sognavano di cambiare la sinistra, che oggi – accatastati nel potere renziano – tutti insieme festeggiano sui social per il fallimento dei referendum di Pippo.

Cioè, non è tanto un fatto politico, è proprio una tristezza umana, una miseria umana.

Scrivo di questo anche su Gli Stati Generali, cliccate qui

Annunci

3 pensieri su “E’ ancora #Possibile

  1. Questa vicenda denota una volta di piu’ quanto cinismo , opportunismo ed ipocrisia vi siano nella stragrande maggioranza della classe politica italiana. Chi non ha voluto firmare per interessi di bottega ha impedito a tutti i cittadini di dire la loro su questioni molto rilevanti. La legge bavaglio in confronto è niente !!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...