I ruffiani di Stato. Da Torre Chianca (Lecce) a Roma

Dalle spiagge di Torre Chianca (Lecce) alle periferie delle grandi città. Dai balneari indifferenti alla stupidità di quelli di Casa Pound.

Nelle periferie disagiate o benestanti arrivano i migranti e puntualmente assistiamo all’aggressività di Casa Pound, alle paure dei residenti e al dibattito sul confine tra sostenibilità sociale e solidarietà.

Altrettanto puntualmente ci si frustra per l’impossibilità di tenere assieme due cose tanto diverse come la fratellanza e la reazione di chiusura (purtroppo altrettanto umana) verso il diverso.

Puntualmente l’esposizione mediatica – involontariamente o meno – riformula l’equazione simbolica stranieri uguale problemi, casino e tensione.

Ma in tutte queste puntualità c’è qualcuno sempre in ritardo, che arriva sempre dopo, con quella ruffianeria pelosa di chi si manifesta attento e sensibile ai problemi altrui ma sempre e solo a cose fatte.

Perché quando ci si mena in mezza alla strada non c’è mai uno straccio di rappresentante del governo a segnalare, con la sua semplice presenza, che esistono diritti, desideri, paure individuali ma anche esigenze collettive e complesse che lo Stato non può disattendere?

Per quale assurda e autolesionista ragione la classe dirigente, come scrive Marco Bracconi, si astiene da sporcarsi le mani con la realtà, tutta la realtà, e si rifugia nell’astrazione del linguaggio, della metafora, della lontananza?

Magari fosse la paura di essere contestati, o una disdicevole forma di pigrizia politica o intellettuale.

Per loro fortuna, coloro che arrivano non sanno l’italiano. Altrimenti scoprirebbero che da queste parti sono solo due i vocabolari possibili. O l’arroganza ottusa e opportunista di chi li vuole mandare a casa o la strumentalità ridicola e falsa di chi invoca (e pretende) gli italiani brava gente: due miserie, in uno Stato solo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...