E’ #Possibile? Dipende solo da noi

11351366_1151450858214407_1646528511009512912_n“Abbiamo fatto le pri­ma­rie e poi il pro­gramma, a par­tire dai gruppi di quar­tiere dove sono state rac­colte più di 2000 pro­po­ste che abbiamo diviso per assi pro­gram­ma­tici. Un’esperienza incre­di­bile. Cen­ti­naia di per­sone super esperte di mobi­lità, urba­ni­stica, ecolo­gia, eco­no­mia. Un livello incre­di­bile di com­pe­tenza. Più di 5000 per­sone hanno parteci­pato alla reda­zione del programma! E poi il nostro pro­gramma è aperto: la nostra idea è che il pro­gramma non si chiuda mai. Dovrà con­ti­nuare a essere inte­grato. Quando comin­ce­remo ad appli­care le misure, le dovremo valu­tare e se non fun­zio­nano cam­biarle. Tutto que­sto pro­cesso deve con­ti­nuare dopo il 25 maggio” (Ada Colau, Sindaco di Barcellona)

Centralità della partecipazione e l’idea di tenere insieme le varie anima di Sinistra (come ho scritto qui, cliccate).

La sfida è più alta e stimolante. Costruire dal basso una forza politica alternativa.

Una proposta politica trasversale e orizzontale fondata su un sistema di consultazione permanente degli elettori. Solo così la sovranità tornerà nelle mani del popolo.

Un modello capace di rompere il paradigma neoliberista con una nuova “egemonia culturale” per dirla alla Gramsci.

Senza trasporre o copiare modelli, ma introducendo un modo di fare politica nuovo vicino ai movimenti, troppo spesso ignorati in questo Paese. Ripensiamo ai milioni di cittadini entusiasti nella lotta per l’acqua pubblica. Un patrimonio ignorato dalla Sinistra italiana.

11063799_10153246125282489_5931171627709673389_o (1)Basta demandare ad altri il cambiamento. Facciamo rete tra di noi, conosciamoci, coinvolgiamo la “maggioranza invisibile” di questo Paese, quella che non crede più in un’alternativa e rimane a casa il giorno delle elezioni. Senza promettere loro il rinnovamento. Sfidiamoli a creare il rinnovamento assieme a noi.

Senza la velocità e la superficialità di chi vuole solo vincere.
Puntiamo più in alto. Puntiamo alla convinzione e alla consapevolezza.

Io ci credo. Troppi tra noi sono stanchi della politica italiana.
Oggi abbiamo l’occasione di diventare la politica italiana.

Senza tracciare confini anagrafici. Il rinnovamento si fonda su un patto generazionale. Senza la tradizione noi giovani non possiamo creare nessuna novità intrisa di contenuti.

La bellezza della parola “Possibile”, come scrive Antonio Sicilia sul suo blog, racchiude tutto il senso di questa sfida.
Qualcosa in divenire, un’occasione, un’opportunità. Cogliamola al volo.

E’ #Possibile? Dipende solo da noi. Sconfiggendo il pensiero del “voto utile” e mettendo in pratica i contenuti (come scrivo qui, cliccate)

Annunci

3 pensieri su “E’ #Possibile? Dipende solo da noi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...