Auguri Peppino

Peppino Impastato non era semplicemente un militante anti-mafia, così come Enrico Berlinguer non era semplicemente «una brava persona».

In Italia c’è questa strana “moda” di omettere la parola «comunista», come se rappresentasse il male in terra. È successo anche con l’elezione in Cile di Michelle Bachelet e di Camila Vallejo: la prima, socialista, venne definita dai media nostrani come «socialista»; la seconda, comunista, venne chiamata «pasionaria».

Se sì vuole ricordare una persona, la si ricordi in toto e non omettendo ciò che non ci piace, come scrive il mio amico Pasquale Videtta. E allora io voglio ricordare Peppino Impastato non solo come un ragazzo che ha pagato con la vita la sua lotta alla mafia (come scrivevo qui, cliccate), ma anche come un compagno. Come un comunista italiano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...