Ci mancava Suor Cristina

Non è più un paese per i miracoli. Né per i navigatori. E i santi ormai, li guardiamo in televisione. Fantastilioni di persone si sciolgono guardando e riguardando su You Tube le gesta canore della suora di The Voice. Che si chiama Cristina, ma questo è ormai storia nota. Altro che sette re di Roma o i vizi capitali.

Le trasmissioni si azzuffanno per averla in studio, i giornali ci campano e il meglio deve ancora venire, come ha scritto ieri Beatrice Dondi, giornalista dell’Espresso. A breve aspettiamoci le ricette di suor Cristina, i consigli di suor Cristina, le foto di Cristina ancora non suora, la prima comunione, gli amici di infanzia, la scarpa ortopedica, il primo prelievo di sangue.

Un’eroina con la tonaca. Perché ormai quando il barile è raschiato resta ben poco. In principio fu padre Cionfoli, con la sua chitarra e il saio, che da Sanremo emozionò i cuori dei puri. Poi si sposò e fece crollare l’entusiasmo.

Poi arrivarono gli inutili protagonisti del Grande Fratello, quelli poveri, in debito con l’esistenza, malvestiti, sgrammaticati. Ma andò a finire male anche lì perché dopo poco tempo cominciarono tutti a fare del gran sesso davanti alle telecamere e il caso umano finì in secondo piano. Poi ancora è stata la volta del fenomeno ‘brutta ma brava’, come se la voce fosse un dono legato alla bellezza e se hai i baffi per amor del cielo fa subito circo.

Adesso è la volta della suora. Che già ha le movenze di chi sta assoldando un manager. Ma qualcuno dovrà pur dirle che dura poco.

Abbiamo bisogno di eroi, questo è un fatto. E c’è chi se li va a cercare nel passato, staccando biglietti al botteghino in nome di Berlinguer, e chi li cerca sotto il velo. Peccato che gli eroi, quelli veri, non si costruiscano al tavolino posizionato davanti alla tv. Su quello al massimo, si lasciano le tracce dei popcorn.

Annunci

5 pensieri su “Ci mancava Suor Cristina

  1. E’ sempre la stesa solfa, il messaggio della carità, del servizio e della Chiesa può anche passare per la tv, dove ci vuole molta molta attenzione, visto che un giorno sei un eroe e l’altro giorno ti trovi improvvisamente inondato di cacca fino al collo. Naturalmente non può e non deve, e ti assicuro, che non passa solo da lì (visto che che i religiosi che vanno in tv sono la stragrande minoranza, tanto che ce li ricordiamo tutti)

    Mi piace

    1. Per Lei è la stessa solfa. Per me è sempre quella e ancora più forte e importante. Delle gesta degli altri non rispondo: vorrei rispondere alla mia coscienza e al mio pensiero (condivisibile o meno). E lo faccio con il massimo rispetto e con il massimo dissenso

      Mi piace

  2. La solita pappa della sinistra moralista che ci mette decenni prima di capire la modernità (salvo poi osannare i catastrofisti dell’ultima ora….). La vita è bella, non solo quando lo dice Benigni o quando il leccapiedi Fazio ci fa una lezione invece di condurre come si deve un Sanremo, questa è la realtà. E suor Cristina, per il momento, ha rappresentato questo…se cadrà (come succede spesso ai comuni mortali) sapremo ridircelo e anche criticarlo, ma stare lì sul trespolo a dire questa è zozzeria, questo è superficiale, questo è figlio del capitalismo…è roba da vecchi bacchettoni (e anche un po’ rosiconi)
    PS. Ma poi scusate, delle due l’una: o vi guardate di tutto e di più, e viene da domandarsi perché poi siate tanto critici (basta spegnere la cattiva maestra televisione) oppure (peggio) criticate per aver sentito dire o sulla base di uno spezzone di due minuti e allora non venite a lamentarvi della “superficialità”.

    Mi piace

    1. Nulla di tutto ciò. La cultura del “rosicone” non mi appartiene. Ti sei avventurano in discorsi che nulla hanno a che vedere con quanto scritto (e con quanto penso). Il succo è altro: il messaggio della carità, del servizio, della Chiesa non può passare dalla tv, ma va (secondo me) e passa e parte dalle strade. Auguro picchi di notorietà a Suor Cristina, ma di certo sono molto lontano da questi tipi di messaggi

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...