Dalle rovine di Pompei

Non vorremmo proprio che il continuo sfarinamento degli edifici dell’antica Pompei fosse metafora della condizione italiana: anni di documenti, indignazioni ed annunci senza combinare nulla o poco.
Eppure per Pompei c’è un massiccio stanziamento dell’Unione Europea che si riesce appena a spendere a tocchi, mentre il resto giace inutilizzato per ritardi, omissioni e pastoie burocratiche.
Ed è proprio qui sul problema di dare uno scossone alla giungla delle competenze, delle ossessioni burocratiche e dei continui ricorsi alla giustizia amministrativa, che il governo è chiamato in tempi brevi a dare attuazione a uno dei punti fondamentali del suo programma.
Intanto, i lavori parlamentari sono dominati dall’annosa vicenda di una nuova legge elettorale: l’ennesimo tentativo di superamento dei contrasti starebbe in un emendamento che ne prevederebbe l’operatività solo per le elezioni della Camera. Per il Senato, quindi, se mancassero i tempi della sua riforma, si dovrebbe votare secondo le modifiche all’attuale legge, conseguenti alla sentenza della Corte Costituzionale.
Occorrerà poi fare i conti, per i cronoprogrammi che Renzi si è dato, su due nodi: quello dell’instabilità dei mercati creata dai venti di guerra in Crimea e quello dell’impennata del debito pubblico che , nel 2013, ha raggiunto il 132, 7 del PIL; un dato, quest’ultimo, cui si accompagna quello del continuo calo della spesa delle famiglie per i consumi alimentari.
Continua, nel frattempo, in questo scenario poco tranquillizzante, lo stillicidio di suicidi fra gli imprenditori.
L’ultimo, quello di un impresario che, in preda alla disperazione si è impiccato dopo aver tentato, in questo stato d’animo, di rapinare un distributore di benzina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...