Berlusconi sfancula tutti

La fine de Il caimano.

C’è una quota di propaganda da primarie nella ganassata di Matteo Renzi con citazione di Bud Spencer inclusa (quella fatta l’altro giorno alla convenzione PD).

Quindi va fatta un po’ di tara, certo. Però lo scenario che si va delineando di qui a neanche un mese rende l’idea di quanto sia stata artificiosa e di breve respiro la Sacra Alleanza imposta da ‪#‎Napolitano‬ a fine aprile.

Intendo dire che questo esecutivo era nato con l’appoggio di Silvio Berlusconi e del ‪#‎Pd‬: il primo da lunedì se ne è andato mentre il secondo si avvia a un rapporto di trattativa quotidiana, se non di minaccia, comunque molto diverso dallo zerbino implementato in questi mesi da Guglielmo Epifani.

Era abbastanza ovvio che finisse così: per quanto si agiti, Enrico Letta e il suo governo riscuotono sempre meno consensi nel Paese e i due –‪#‎Berlusconi‬ e ‪#‎Renzi‬ – si preparano già alle prossime campagne elettorali, a partire da quella delle Europee. Che fra l’altro saranno giocate proprio sull’Europa, sull’euro e sul rigore su cui adesso perfino Letta tenta, un po’ pateticamente, di fare la voce grossa.

Insomma, da dopodomani l’esecutivo starà in piedi per otto voti al Senato, sorretto da tre forze (forze?) che saranno nell’ordine:

  • una formazione politica creata a tavolino nel Palazzo e inesistente al di fuori di esso, cioè il Ncd di Angelino Alfano;
  • un ex grande centro che grande non è mai stato ma a febbraio ha raccattato un po’ di parlamentari grazie al consenso mediatico creato attorno a Monti, ora tuttavia attorno al 3-4 per cento e sfanculato dallo stesso Mario Monti e diviso in una comica Bosnia di fazioni contrapposte;
  • un #Pd azionista di maggioranza il cui prossimo leader, per non lasciarsi bollire a fuoco lento, terrà l’esecutivo per le palle ogni mattina.

Il tutto rattoppato con lo scotch dal nonagenario inquilino del Quirinale.

Ci sono voluti sette mesi, ma finalmente lo sbandierato concetto di “stabilità” in nome del quale si è formato questo governo è molto più chiaro a tutti, grazie. In un paese normale, ‪#‎Letta‬ dovrebbe dimettersi. Ma non lo farà mai.

Nota1: Ve lo dico, oggi, con la decadenza di B. non si chiude un bel nulla (come scrivo qui)

Nota2: Oggi la decadenza di Berlusconi, ok. Ma da domani vi occupate della decadenza di un intero Paese, per favore?

Annunci

3 pensieri su “Berlusconi sfancula tutti

  1. ma sai che sei un grande?!?
    ho scoperto il tuo blog planandoci da quello del Ciwa – seguo e voto il Ciwa – ma a Milano ho votato SEL e quindi forse sei lì un pochiiiino anche per merito mio?
    comunque continua così!
    ci si vede sabato, spero

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...