Cosa penso della telefonata di Nichi Vendola

La scena è certamente poco “costruttiva” e involontariamente comica: Archinà si infila tra Riva e il giornalista, sottrae il microfono e si allontana con l’espressione di chi non c’entra nulla. Il giornalista esclama “filma, filma!” verso il suo operatore e la scena prosegue su questi toni surreali per qualche secondo.

In questo momento Vendola ride divertito. Secondo il Fatto Quotidiano ride “della domanda sui tumori”, definisce l’intervento di Archinà “scena fantastica” e gli fa i suoi complimenti.

Se quest’ultima frase forse non è proprio “passabile”, il resto della ricostruzione del Fatto Quotidiano è molto arbitraria, come afferma Davide De Luca su “Il Post” (una operazione de Il Falso Quotidiano, come quella di giorni fa di Travaglio su SEL, come scrivevo qui). Vendola non sembra assolutamente ridere delle “domande sui tumori”.

Quello che sta circolando in queste ore è una versione tagliata e montata, dove le frasi di Vendola sono interrotte dal video del “furto del microfono”, da scritte in sovraimpressione, da immagini di ciminiere che fumano e altri segni di inquinamento probabilmente causato dall’Ilva (le immagini non riportano fonti o didascalie). Diverse frasi di Vendola vengono accostate come se le avesse dette una dopo l’altra, mentre invece nell’originale sono separate da diversi minuti di conversazione.

Qui di seguito la telefonata integrale e non montata

Questa è un’intercettazione del luglio 2010 durante la quale Vendola parla con Girolamo Archinà, addetto alle relazioni istituzionali del gruppo Ilva e a differenza della versione montata che sta circolando (per intenderci, quella che dura 04.07, così come pubblicata da Il fatto quotidiano) , ascoltando l’audio originale la telefonata sembra molto meno “schifosa”.

Vendola, mentre sta già ridendo tanto da far fatica a parlare, dice che ha visto

“…uno splendido scatto felino [quello di Archinà, molto probabilmente]…non potevo riprendermi, ho visto una scena fantastica”.

Quello che sembra fare Vendola è prendere in giro Archinà per la sua mossa del microfono. I “complimenti”, che fa Vendola, sembrano ironici. Nella versione tagliata, infatti, si sentono dopo che ci è stata mostrata la scena tra Archinà e il giornalista.

Nell’originale, invece, Vendola, di nuovo ridendo, pronuncia la parola “complimenti” dopo diversi minuti.

Per la precisione dice

“è uno scatto fantastico, complimenti”

Cosa penso? Che questa è una “operazione lurida” e come scritto in un articolo passato (qui), ho fiducia e attendo il percorso naturale della magistratura. 

Infine: è una risata fuori luogo che, però, non cancella, non lo può fare, gli anni spesi da Nichi a progettare un piano per tirare fuori la Puglia da un passato fatto di cemento, illegalità e speranze uccise (come ho scritto qui sulla mia pagina). Non giustificherò quella risata, come dice la mia amica Maria Pia, e quella confidenza ma difenderò sempre la buona politica fatta di idee che aveva l’ambizione di cambiare il mondo e ha iniziato a farlo proprio dal Sud. Ha fatto un errore. Forse due.

Ma io sento il rumore di quello che ha costruito ed è più forte di quelle risate.

Aggiornamento ore 13.17: Vendola querela il Fatto quotidiano (leggete qui) e qui la sua risposta in riferimento a quanto sta accadendo

Annunci

21 pensieri su “Cosa penso della telefonata di Nichi Vendola

  1. “Vanni, il tuo articolo si sottrae ad una analisi scrupolosa ed obbiettiva della telefonata (certamente ed inoppugnabilmente rivoltante sia moralmente che politicamente).
    Direi che lo scopo dell’articolo è piuttosto quello di tentare di contrapporre a una telefonata che non puòm da ora in poi, in alcun modo cancellarsi dalla memoria, argomenti suppostamente o auspicabilmente più “pesanti” dei contenuti fatti palesi dalla telefonata stessa a favore di Vendola.
    Non posso accettare questa operazione secondo me intellettualmente disonesta e fallace.

    I fatti sono fatti ed anche le parole lo sono.
    Cominciamo allora intanto col dire che la versione del FQ da 3:43 da te riproposta in questo articolo è AUTENTICA, integrale e non manipolata.
    La telefonata di Vendola ha negato validità e merito, irridendola, alla giusta domanda del giornalista sul nesso di causalità tra ILVA e morti (nesso già scientificamente chiarito in modo arcinoto al luglio 2010) e ha certamente messo al primo posto dell’agenda politica tarantina e pugliese la questione lavoro/produzione, anteponendola alla stessa salute/vita della popolazione residente nell’area vicina all’ILVA.
    Queste due verità sono ormai acquisite e non possono essere smentite da altri fatti. Né hanno bisogno di altri fatti per essere meglio chiarite.
    In definitiva tali due evidenze mi appaiono ben più che sufficienti – DA SOLE – a far sussistere con ragionevole certezza una indegnità morale e politica tale da chiedere le dimissioni di Vendola dalla carica di presidente della Regione Puglia e la sua definitiva uscita da ogni attività politica.

    Mi piace

  2. Vendola per i tarantini ha cominciato a far male da quando Ilva non è stata più in grado di dare posti di lavoro.
    Non si spiega perchè fino a qualche anno fa ai tarantini “non interessassero” i morti di tumore… visto che hanno accettato, silenti per 60 anni, quella fabbrica.
    Basta con l’ipocrisia!

    Mi piace

  3. Aggiornamento: Non permetterò mai a nessuno di sollevare dubbi sulla mia onestà e di manipolare in modo volgare e strumentale la realtà.

    L’unica cosa di cui mi vergogno davvero è di aver riso in quel modo di un giornalista che faceva il suo mestiere, e a cui chiedo scusa.
    Nichi Vendola

    Mi piace

  4. Io trovo la telefonata di vendola (perchè vendola ha telefonato ad Archinà) di un leccaculismo incredibile, di una prostrazione verso la famiglia riva che a del vomitevole.

    Mi piace

  5. Vendola ride di un comportamento arrogante e antidemocratico di archinà che da vero prepotente impedisce a un giornalista di fare il suo lavoro. Vi ricordate Brunetta a Roma che, dopo che ha sentito l’intervento di una precaria, le dice ” siete il peggio dell’Italia” e poi provocatariamente se ne va, strappando lo striscione di carta che i precari spiegavano? Bene, Archinà si comporta anche peggio. E Vendola ( e il suo capo di gabinetto) ridono a crepapelle…. Io non ci trovo niente da ridere. Il resto della telefonata è di un ammiccamento untuoso, ambiguo e servile da parte di Vendola, una narrazione nello stile della peggiore DC. Poi c’è un accenno al direttore, che secondo me ‘ è quello dell’ARPA Puglia, uno che la battaglia per la salvaguardia delle persone e dei lavoratori l’ha fatta. E poi: sapete chi è ARCHINA’, uno che lo stesso Ferrante ha dovuto cacciare, per il ruolo corruttore che ha avuto su una tragica vicenda….. Per quanto mi riguarda il mio compagno NICHI VENDOLA per me è finito.

    Mi piace

  6. Caro Vanni, ho ascoltato la telefonata postata qui, sinceramente non la trovo “molto meno schifosa” di quella “montata” e devo dirti che non riesce in alcun modo a modificare le prime impressioni avute oggi (non sai quanto avrei desiderato ciò accadesse!).

    Sono barese anch’io ed ho sempre votato per Vendola, alle primarie ed alle amministrative.
    Ho sostenuto la sua campagna elettorale con piccoli (ma per me importanti) contributi, l’ho seguito ed applaudito in piazza un’infinità di volte, ho realmente creduto che lui esprimesse un modo nuovo di praticare la politica.

    Oggi ho ascoltato con infinita amarezza quelle parole e quelle risate quasi volgari, ed ho preso atto con fatica di quella “prossimità calorosa” con quel losco figuro che è Archinà.

    Tu scrivi, parlando del video, che la scena è “certamente poco costruttiva e involontariamente comica”, io però non sono riuscita a divertirmi guardandolo e ancora adesso fatico ad immaginare una persona come Nichi Vendola (non un Borghezio, non un Giovanardi) raccontare di aver riso per un quarto d’ora col suo capo di gabinetto.

    (Ma forse dovrei scrivere “una persona come quella che immaginavo fosse Nichi Vendola”, ed applaudire a quel mio amico che ha commentato quella telefonata sinteticamente ed efficacemente scrivendo: “la poesia in pubblico e la prosa in privato”).

    In ogni caso a me sembra che in quelle parole non ci sia alcuna ironia o presa in giro nei confronti di Archinà, sostenerlo è veramente arduo, non so come tu ci riesca.

    Per non parlare dei commenti gratuiti e sgradevoli su quell’intervistatore (“faccia di provocatore”, “gente senza arte né parte che si improvvisa”) che finiscono di completare un quadro veramente poco edificante.

    Possiamo discutere una vita sullo stile ed il metodo utilizzato da certi giornali e certi giornalisti… non è questo il punto, direi, anche a me non piacciono quei ma questo non giustifica niente e nessuno.

    Aggiungerei, infine, che leggere ed ascoltare le repliche di Vendola mi ha fatto cadere le braccia definitivamente.

    Mi piace

      1. sono pugliese anche io.
        Chi è davvero l’uomo che ha osato sfidare l’inquinamento del siderurgico? Vendola da quando è stato eletto ha:

        1) Iniziato con un potenziamento straordinario dell’ARPA Puglia
        2) Avviato la prima campagna di monitoraggio delle emissioni del camino E312;
        3) Avviato il monitoraggio di microinquinanti organici in aria nel comune di Taranto;
        4) Completato la procedura amministrativa per l’acquisto della costosa
        strumentazione per il monitoraggio delle diossine e degli micro inquinanti;
        5) Scritto al presidente del consiglio Berlusconi sollecitando norme più severe contro l’inquinamento industriale (competenza statale);
        6) Innescato il controllo ufficiale del benzoapirene nel PM10;
        7) In mancanza di interventi statali, emanato la legge regionale n 44/2008 (prima e unica in Italia) che fissa valori limite più stringenti per l’emissione di diossina, infatti dopo la sua entrata in vigore il camino è passato dai precedenti 500 g TEQ di diossine ad emetterne nel 2007 solo 100g e dal gennaio 2011 meno di 10g;
        8 ) Con un finanziamento di 250000 euro ha istituito il registro tumori puglia, unico caso in Italia a garantire la copertura dell’intero territorio regionale. Finanziamento poi raddoppiato;
        9) Con delibera 1321 del 15 luglio del 2008, predisposto un “Intervento straordinario a seguito di contaminazione da diossina in allevamenti della Provincia di Taranto”, realizzato dal Dipartimento Prevenzione della ASL Taranto;
        10) Avviati monitoraggi sulla qualità dell’aria a Taranto e zone limitrofe;
        11) Accusato di catastrofismo per i limiti stringenti della sua legge antidiossina, pubblica “Vivere con la fabbrica” in collaborazione con le associazioni del territorio. Giustifica la severità della norma con il nesso tra emissioni e malattie;
        12) Avviato 4 nuove campagne di monitoraggio su diossine e polveri sottili;
        13) Ordinato il divieto di pascolo e la distruzione del fegato ovicaprino nelle
        aziende zootecniche allocate nel raggio di 20 km da ILVA;
        14) Assistito INCREDULO il 13 agosto 2010 al decreto SALVAILVA del GOVERNO BERLUSCONI che PROROGAVA negli anni il raggiungimento del valore stabilito per l’emissione del benzoapirene;
        15) Provato a rimediare agli effetti del decreto salvailva scrivendo una nuova legge regionale che impone il limite di un nanogrammo per metrocubo;
        16) Dato incarico all’ARPA di realizzare un programma semestrale di monitoraggio giornaliero del benzoapirene (1800 campioni);
        17) Finanziato con 300000 euro un nuovo monitoraggio sulla diossina negli allevamenti della zona jonica;
        18) Avviato monitoraggio biologico della popolazione per verificarne l’esposizione ai metalli pesanti;
        19) Avviato monitoraggio degli inquinanti dell’ambiente di lavoro a tutela dei lavoratori ILVA;
        20) Istituito un tavolo tecnico per uno studio più approfondito delle cause di mortalità nella città di Taranto;
        21) Finanziato con 300000 euro un altro monitoraggio sulla diossina negli allevamenti
        22) Scritto al ministro Clini per chiedere il riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale;
        23) Avviato il piano d’intervento per il risanamento della qualità dell’aria (imponendo limiti più stringenti nei wind days);
        24) Emanato la rivoluzionaria normativa sul DANNO SANITARIO;
        25) Negoziato per gli 8 milioni del “Piano Straordinario Salute e Ambiente e Istituzione del Centro Salute-Ambiente in Taranto”.

        Mi piace

      2. Vanni sai benissimo che l’elenco che hai fatto e’ puramente propagandistico. Per risolvere il problema di Taranto quelle non sono cifre sufficienti. Le stesse cifre che in altre parti sdi europa sono state spese e senza dover chiudere niente. Se si fosse fatta rispettare la legge non solo da parte Vendola ma anche da Stefano (guardati anche quel video se non l’hai ancora fatto) non ci troveremmo in questa situazione. Il diritto alla salute non si deve barratare con quello al lavoro PUNTO. Sempre se sei di sinistra … E non torno a risponderti perche’ gia’ il fatto che uno debba andare sul tuo blog per farlo mi dice molto della tua esagerata autostima. Gli occhi di un bimbo malato di tumore li ho visti io non tu al quale basta dire che sei pugliese per apparire vicino a Taranto. Con stima, ci mancava pure che Vendola non facesse nemmeno quel minimo di “rappresentanza” che un politico che si dice di sinistra dovrebbe fare, su dai sii intellettualmente onesto.

        Mi piace

  7. non ti conosco ma mi dispiace di notare una totale mancanza di onestà intellettuale, come se le persone non possano rendersi conto da soli che vendola non riesce a staccare la lingua dal culo dei riva
    saluti

    Mi piace

    1. stefano, come scrivo nel post dico che Vendola ha fatto un errore, forse due o anche tre. E su questo mi devi riconoscere una “onestà intellettuale”: Credo, però, che questa deriva di menzogna travagliana, de Il fatto Quotidiano, ha rovinato il paese. Il giustizialismo che crocifigge le battaglie sociali, l’occhio del grande fratello che indaga i vizi e dimentica le umane virtù.
      Io non mi lego a questa schiera, morrò pecora nera.

      ps. questa cosa la dico sia per un esponente di destra, sia per uno di sinistra. Il metodo gossipparo non mi appartiene. Ne mi interessa leccare il culo a qualcuno

      Mi piace

    2. beh qui ci troviamo a una situazione tipo cancellieri, sembra che vendola si difenda parlando dell’ipotetdico scherno ai malati di tumore mentre lo scandalo possono vederlo tutti, è nel suo vile servilismo e nel suo cambiar faccia e maschera rispetto all’idealismo aulico che dimostra di fronte all’elettorato.
      d’altra parte per questioni familiari, è da anni che sono a conoscenza del modo in cui Vendola coltivi i suoi rapporti con imprenditori in cambio di “favori”.
      quindi lei giustamente parla di errori, se preferisce, ma ci sono errori ed errori, e questi sono errori mortali.

      Mi piace

      1. Vendola, mentre sta già ridendo tanto da far fatica a parlare, dice che ha visto

        “…uno splendido scatto felino [quello di Archinà, molto probabilmente]…non potevo riprendermi, ho visto una scena fantastica”.

        Quello che sembra fare Vendola è prendere in giro Archinà per la sua mossa del microfono. I “complimenti”, che fa Vendola, sembrano ironici. Nella versione tagliata, infatti, si sentono dopo che ci è stata mostrata la scena tra Archinà e il giornalista.

        Il resto lo confermo

        Mi piace

    3. Lupus in fabula. Oltre a sottolinearti che molti dei punti che hai scritto sull’operato di Vendola non sono veri (cerca di indagare meglio, te lo dico sinceramente) eccoti un video che puo’ aiutarti a conoscere meglio la vera storia di questi anni:

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...