Quella catena umana a favore dei migranti che vale più delle larghe intese

E mentre su alcune spiagge andava in onda lo squallido e osceno teatrino a favore del pregiudicato, a Pachino (Siracusa) alcuni bagnanti hanno avvistato un barcone carico di migranti e poi sono accorsi ad aiutare la Guardia costiera nell’accoglierlo.

Questo episodio mi rianima un po’. L’Italia migliore c’è, esiste e resiste. Nonostante tutto e tutti, c’è ancora speranza.

Non c’è a Roma, dove Angelino Alfano, il burattino di un condannato che fa anche il ministro dell’Interno, mente e parla di “emergenza” sbarchi citando dati a sproposito, dimenticandosi di dire che nel nostro paese i migranti vengono sempre meno e non ci vogliono nemmeno restare perché siamo un paese in decadenza anche per chi fugge dalla guerra.

Ma l'”emergenza”, si sa, è la parolina magica per prenderci in giro e lasciar morire migranti nei nostri mari o rinchiuderli in prigioni disumane come i Cie.

Ci sono bagnanti che si godono il ferragosto si alzano dallo sdraio per formare una catena umana e salvate donne e bambini che rischiano di affogare. L’immagine che rende dignità a un Paese che la sua classe dirigente ha distrutto.

Quella catena umana vale più delle vostre larghe intese. Quella catena umana è l’emblema di un’Italia che rinascerà. Nonostante voi, che non capite che l’unica grazia da concedere è a tutti coloro cui avete privato di felicità negli ultimi vent’anni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...