Voto di scambio alla Camera: un favore alle mafie

mafiaIeri esplodeva la polemica sul testo, approvato alla Camera e ora all’esame del Senato, che riforma il reato di voto di scambio, con modifica all’articolo 416 ter.

Dico che in Senato sarà necessario correggere il testo sul voto di scambio. Le modifiche introdotte dalla Camera dei deputati al 416 ter rischiano infatti, di rivelarsi decisamente peggiorative e di ostacolare invece che agevolare le indagini. In particolare la sostituzione della originaria “promessa di voti”,  quale elemento costitutivo del reato, con l’attuale “procacciamento” dei voti stessi ” costituirebbe una fattispecie di reato quasi impossibile da dimostrare”.

Mi auguro che nessuno voglia perdere l’occasione di modificare quello che rischia di essere un favore alle mafie”.

Tutto ha avuto inzio con la protesta dei  magistrati: “A rischio i processi per mafia”. Fari puntati sul “consapevole procacciamento” di voti che ostacola la prova del reato. “Ma i clan allargano il loro potere con i favori, non con i soldi. E qui la norma non colpisce”. La riforma potrebbe anche salvare Cosentino…

Il testo, frutto di un compromesso, già siglato alla Camera settimana scorsa, tra Pdl, Pd, Scelta civica, recita così:

“Chiunque accetta consapevolmente il procacciamento di voti con le modalità previste dal terzo comma dell’articolo 416-bis in cambio dell’erogazione di denaro o di altra utilità è punito con la reclusione da 4 a 10 anni. La stessa pena si applica a chi procaccia voti con le modalità indicate dal primo comma”

Non si è fatta attendere, come spiega Repubblica, la protesta dei pm, che denunciano come il nuovo testo metta a rischio i processi per mafia. Tra questi l’ex pm Felice Casson, la giornalista anti-camorra Rosaria Capacchione e l’ex pm Raffaele Cantone che sul Mattino ha scritto un blog di fuoco.

Perché? La parola “consapevolmente” inserita nel testo comporta che l’inchiesta giudiziaria debba dimostrare l’effettiva “consapevolezza” dello scambio. La parola “procacciare” sostituisce l’originaria “promessa” che rendeva assai meglio il momento iniziale dello scambio e il riferimento alle modalità del 416-bis comporta un’azione violenta che potrebbe non esserci.

Per quanto riguarda la pena, i dieci anni hanno sostituito i precedenti 12, con il rischio che processi in corso per reati associativi, come quello a Cosentino, vedano gli avvocati chiedere la riqualificazione del reato con un ricasco negativo sulla prescrizione.

Ma c’è anche chi difende il nuovo 416-ter. In prima linea il presidente del Senato Pietro Grasso, che ha dato il via libera al voto senza passare per l’aula.
Spero che si prenda un’altra piega: il voto di scambio uccide le coscienze

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...