Investire sulle energie popolari per il rinnovamento della politica

campagnaIl quadro è chiaro e limpido. Ed è quello che nasce dalla presa d’atto di uno stato di necessità, e dalla consapevolezza di poter spendere al servizio del paese le energie e le potenzialità che il nostro associazionismo conserva intatte pur in una fase di grande difficoltà.

L’Italia, stremata da una crisi economica senza precedenti per profondità e durata, mostra segnali ormai evidenti di cedimento della coesione sociale, di regressione della cultura civica e dell’etica pubblica, di deterioramento delle istituzioni democratiche.

Per risollevarsi il paese ha bisogno di una scossa. Di tornare a investire sulla centralità del lavoro come perno del patto di cittadinanza, perché quando manca il lavoro si spappola il tessuto sociale; di tornare a dare ossigeno all’economia produttiva depredata dalla finanza speculativa; di incentivare la riconversione verso un’economia sana, compatibile col benessere della società e dell’ambiente; di contrastare le nuove povertà e correggere gli squilibri sempre più insopportabili nella distribuzione della ricchezza; di porre un argine al dilagare della corruzione che inquina la vita pubblica e sottrae enormi risorse al paese; di recuperare la fiducia nella democrazia e nella politica come esercizio alto della responsabilità collettiva dei cittadini in nome del bene comune.

Pare un’impresa ardua, in un contesto in cui è più facile cedere alla frammentazione degli interessi particolari, alla prepotenza dei poteri forti, al dilagare del populismo demagogico. Ma ci dobbiamo provare. Con la consapevolezza che nessuno può farcela da solo, ma che diversi attori – istituzioni, partiti, organizzazioni sociali, le tante e diverse forme dell’autorganizzazione dal basso – debbano concorrere a un grande sforzo comune.

L’associazionismo può fornire un contributo importante, grazie alla sua vocazione civica e solidale, alla capacità di essere motore di partecipazione, tessere legami fra le persone, leggere i bisogni e costruire risposte dal basso, promuovere la visione della società e dell’economia dei beni comuni, aiutare le persone a recuperare l’idea che la politica è utile per cambiare le cose.

Il tema del rinnovamento della politica si pone oggi in termini nuovi e urgenti, tanto forte è la crisi dei partiti e l’assenza di un’adeguata forza di cambiamento. È evidente lo scarto fra l’avanzamento di una sinistra sociale che produce contenuti e nuovo senso comune, e il deficit di rappresentanza politica di tutto ciò.

Ripartire dal territorio, insieme ad altre forze sociali e di terzo settore, intende contribuire a cambiare la politica, innovare la rappresentanza, riunire i pezzi e le culture di una sinistra dispersa. Rivisitando anzitutto quella nozione di associazionismo popolare che è anche la dimensione di cui oggi le persone avvertono maggiormente l’assenza. L’ambizione di parlare a tanti e non solo ad elite selezionate, dare voce e strumenti per esprimersi a chi non li ha, farsi megafono di una diversa narrazione sociale.

I temi sono tanti e lo si può fare partendo dalle pratiche sociali cercando di comprendere e dare la risposta sociale alla crisi economica, al diritto di cittadinanza, all’esigenza di rinnovare la politica e rivitalizzare la democrazia.

Investire sulla cultura della legalità, di antimafia sociale, associazionismo culturale e recupero degli spazi urbani, nuovi modelli di organizzazione collettiva.

Un  impegno, per offrire un contributo alla ricostruzione di una sinistra popolare, con gli strumenti che quotidianamente utilizziamo per costruire aggregazione, partecipazione e coesione sociale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...