Finanziamento pubblico in Italia: rischio di divenire una anomalia in Europa

La politica a costo zero è una gigantesca balla, tant’è che gli unici Paesi dove non esiste alcun finanziamento statale, a parte la Svizzera, sono regimi dittatoriali o non democratici, dall’Iran all’Afghanistan.

È una questione di democrazia: per evitare che i partiti diventino centri di interesse privato, bisogna rendere più precisa la rendicontazione delle spese elettorali rimborsabili – limite all’uso del denaro contante, ricevute su tutto, contributi solo alle liste che abbiano superato il 2% dei voti validi, per partiti e movimenti con statuti registrati, congressi triennali e organi di garanzia e controllo contabile – e introdurre limiti più precisi per le donazioni di società private. Regoliamo anche l’attività delle fondazioni politiche, impedendo come in Germania che possano finanziare le campagne elettorali.

Per intenderci: sono favorevole al finanziamento pubblico (strutturato come scritto sopra, nei fondamentali)

Qui di seguito l’intervista su l’Unità di Sergio Boccadutri (deputato e tesoriere Sel) – qui la sua biografia

600291_615212938496569_1506625241_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...