La Costituente de Noantri

imagesLetta: il governo può durare fino al 2018.

A sentirla pare che siamo passati alle minacce. E tra saggi e super saggi scorre inesorabilmente questa legislatura che ha come scadenza i famosi 18 mesi (a furia di ripeterli siamo arrivati a 20).

Se i motori di ricerca in un paese funzionassero come la politica, in Italia, per ogni domanda o dubbio, prima di interrogare la pagina, ci sarebbe bisogno di una commissione di un numero variabile di esperti.

Spesso in numero di rappresentanti che evitino le cifre pari, quelle che portano sfiga e loro multipli. Niente 4, 13,17, 26, 34. Il ‘comitatismo’ ha radici profonde nella società europea, nella logica del plotone di esecuzione in cui uno dei soldati ha una pallottola a salve, ma in Italia questa cultura del consenso assurge a livelli di lirismo assoluti, in smacco alla tradizione latina del tot capita tot sententiae.

Ci si riunisce e si convocano riunioni fiume, dove non esistono regole negli interventi. Più macchine a cozzi che think tank. Assemblee di condominio di altissimo livello, come se per puro caso ventitrè professori o undici scienziati abitassero nello stesso stabile e parlassero durante le riunioni di dove posizionare il ficus nell’ingresso e come riformare le autorithies della comunicazione o riscrivere la costituzione. En passant.

Comitatismo o ‘comitatologia’ esasperata, come la definiscono gli esperti (come se fosse una patologia propria del sistema politico) potrebbe avere, però, anche dei meriti, se dotato delle forme di controllo e di decisione adeguate. Qui, sul Tamigi, la chiamiamo governance. Se fossi il presidente della costituenda costituente in pectore, mi porrei il problema subito di divisione del lavoro, sottocomitati, livelli di decisione, di creare un piccolo Executive commitee, una giunta, con poteri assoluti di decisione sul contenuto finale delle proposte.

Una cosa che mi ha colpito è l’assenza di esperti di organizzazione aziendale e di ‘risk management’. Una Costituzione in un paese come l’Italia non si cambia senza una valutazione ferrea dei rischi e delle problematiche che nascerebbero dopo la sua applicazione. Che rischi corriamo, che costi hanno i cambiamenti, come impatteranno con il paese? Ci vorrebbe, accanto al comitato, una stanza di esperti di finanza, rischio, ambiente, sociologia, per determinare gli scenari possibili, non solo in Italia, ma nel mondo.

La governance dovrebbe anche sancire da subito quali forme di consultazione popolare utilizzare, via web, referendum, congressi, comitati regionali. Gli esperti dovrebbero essere quelli che ti dicono dove guardare quando hai cercato qualcosa ovunque, perchè ne riconoscono le forme, i segni. Come gli scienziati che trovano i pianeti sulla base delle oscillazioni della luce.

Che sia la società a dettare direttamente cosa cercare nel ‘google costituzionale’. A parte il presidenzialismo, ed il laicismo (perchè tutti sapete che finiremo a seguire dibattiti snervanti su una parolina o due…), quali sono le domande, i dubbi che il paese ha sull’Italia e come la Costituzione dovrà interpretare il futuro del paese dei prossimi 100 anni.

Diritto di famiglia, Ius soli, formalizzazione dei diritti del terzo settore come ‘membro indipendente della società’, diritto di culto, di manifestare la propria sessualità, manifestazione delle priorità della modernità, con indicazioni nella futura carta costituzionale anche di un indirizzo forte di salvaguardia dell’ambiente, del territorio e un’europeizzazione del paese, reddito minimo garantito. Ed un documento finale tradotto ed approvato dal Parlamento nelle lingue ufficiali europee, inglese, francese e tedesco. E cinese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...