E’ un delitto sociale se un ragazzo di 15 anni si uccide per l’omofobia

Quando ho sentito la notizia del ragazzo suicida ho pensato agli scritti di don Tonino Bello, “Teologia degli oppressi”.

Comincia così: «Io ero sull’altra riva, quindi ero un rivale».

Tutta la teologia di Bello è una teologia della differenza.

Come quando spiega il dogma della Trinità con la metafora della convivialità delle differenze: la presenza di tre differenze in un’unità ci insegna la bellezza della convivenza, che è qualcosa di più della tolleranza.

Non voglio dimenticare che Pasolini, come Testori, ha avuto il grande merito di tirare la sua condizione di omosessuale fuori dall’oscurità; ma l’ha illuminata con le fiamme dell’inferno. L’omosessualità di Pasolini è molto segnata dal suo cattolicesimo.

La diversità come impossibilità dell’amore, un’identità che si afferma negandosi.

Sento molto la tutela della vita, la difesa del vivente. Sono contro la mercificazione e la privatizzazione della vita. Il tema fondativo del futuro è la costruzione della vita nelle forme di comunità. Il sangue non c’entra: per me la paternità non è un dato fisiologico, limitato al proprio seme. Allevare un figlio significa accudirlo, conoscerlo, ascoltarlo; amarlo.

Dev’essere una cosa bellissima.

Basterebbe educazione,rispetto e ascolto.

Ci siamo cosi tanto imbruttiti e plasmati sul modello del macho che abbiamo dimenticato cosa dice la costituzione: “Art. 3 Cost.Tutti i cittadini sono eguali senza distinzione di sesso”.
E’ un delitto sociale se un ragazzo di 15 anni si uccide per l’omofobia.

Per questo, ogni volta che leggo di un neonato abbandonato, provo una stretta al cuore.

Cosi come si è stretto il cuore alla notizia di oggi.

Annunci

Un pensiero su “E’ un delitto sociale se un ragazzo di 15 anni si uccide per l’omofobia

  1. Vedo che le tue reminiscenze cattoliche ogni tanto tornano a galla e ti riportano ai veri valori non solo etichettabili come “cattolici” ma perchè substrato di quella che tutti chiamiamo “società civile”. Mi fa proprio piacere perchè emergono nell’indole della persona e perchè da tutti riconosciuti come validi. Poi possiamo anche parlare del prinicpio della paternità e dell1omosessualità. Ogni uomo merita rispetto per quello che è e non per la sua tendenza sessuale!!!! La peternità poi è il futuro, è la proiezione di due persone che manifestano attraverso un figlio la condivisione di un progetto. E che progetto!!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...